Weekend rialzista: Crypto Market Cap guadagna 4 miliardi di dollari, Bitcoin in attesa della prossima mossa

Il Bitcoin si aggira intorno agli 11.400 dollari, nonostante il recente calo a meno di 11.300 dollari. L’etereum rimane fermo a 370 dollari, l’ondulazione a 0,24 dollari, mentre il Polkadot sale sopra i 4 dollari.

Il Bitcoin ha superato il recente calo dei prezzi sotto i 11.300 dollari e attualmente si aggira intorno ai 11.400 dollari. La maggior parte delle monete alternative ha mostrato performance relativamente forti e il tetto totale del mercato è aumentato nel corso del fine settimana.

Bitcoin torna a 11.400 dollari

Bitcoin ha scambiato ieri circa 11.350 dollari dopo un tranquillo periodo di 24 ore, nonostante le notizie di potenziale impatto provenienti dal popolare cambio di criptovalute OKEx. Come ha riassunto CryptoPotato, la piattaforma ha sospeso i prelievi dopo che il suo fondatore è stato presumibilmente preso dalla polizia e non era ancora tornato al lavoro.

Eventi simili sono generalmente causa di una grave volatilità per il mercato. Tuttavia, a parte un breve calo dei prezzi di 350 dollari, sabato BTC ha mostrato stabilità.

Una parte della volatilità è ritornata nelle ultime 24 ore mentre Bitcoin ha dipinto una brusca pompa di prezzo da sotto i 11.300 dollari a oltre 11.400 dollari. Da allora, l’asset ha fluttuato un po‘ indietro al livello iniziale prima di recuperare un po‘ di terreno al suo livello attuale – appena sopra gli 11.400 dollari.

Se la prima e la seconda linea di supporto a 11.300 e 11.150 dollari non riuscissero a mantenere BTC in caso di un altro calo del prezzo, la criptocurrency potrebbe scendere ancora più in basso per colmare il gap CME a 11.100 dollari.

Se Bitcoin dovesse aumentare di nuovo di valore, i livelli di resistenza a suo modo si attesterebbero a 11.500 e 11.800 dollari.

Monete Alternative Calma

Le ultime 24 ore sono state relativamente poco movimentate dal punto di vista dei prezzi per la maggior parte degli altcoin, in quanto gli aumenti sono stati piuttosto modesti, anche se la maggior parte di essi sono negoziati in verde. L’Ethereum è riuscito a spingere più in alto e ora è scambiato intorno ai 372 dollari. Anche l’ondulazione non si è mossa in nessuna delle due direzioni, e l’XRP si trova appena sopra i $0,24.

Polkadot ha guadagnato il massimo dalle prime 10 valute criptate. L’aumento del 4% del DOT ha portato l’attivo sopra i 4,1 dollari. Binance Coin e Chainlink sono saltati di circa l’1% da ieri.

Al contrario, Bitcoin Cash ha perso poco più dell’1% del valore e scambia sotto i 250 dollari.

In un certo senso, una maggiore volatilità è evidente da altcoin a bassa capitalizzazione. Ampleforth è in testa con un salto del 34% del prezzo a 1,25 dollari. I diritti di riserva sono saliti del 15% a 0,011 dollari. Anche Arweave (8%), Aave (6%) e Ren (5,8%) sono in verde.

Al contrario, Filecoin ha continuato la sua recente caduta libera. Dopo il recente clamore e le quotazioni su diverse borse di rilievo, FIL è scesa al di sotto dei 40 dollari. Su una scala di 24 ore, FIL è in calo del 16%.

Un altro segno che ha visto giorni migliori è la crittovaluta nativa di OKEx. In seguito alla notizia di cui sopra, OKB ha iniziato a precipitare. La situazione è peggiorata da ieri, e un dumping dei prezzi del 15% ha portato OKB a 4,3 dollari. Solo pochi giorni fa, l’asset ha scambiato oltre i 6 dollari.