Mike Novogratz: Bitcoin è più grande di qualsiasi scambio o persona, comprare il tuffo

Crypto non dorme mai, ma ha ricevuto un campanello d’allarme dopo che un’accusa è caduta contro il bitcoin exchange BitMEX, ampiamente utilizzato, che permette fino a 100x leva finanziaria e vieta tecnicamente i trader statunitensi.

La Commodity Futures Trading Commission e il Dipartimento di Giustizia stanno entrambi venendo dopo lo scambio e i suoi proprietari, compreso il volto della società, Arthur Hayes, per non aver fatto rispettare i protocolli KYC e AML. Altri due membri del team di gestione, Ben Delo e Samuel Reed, sono anch’essi in difficoltà.

Crypto Twitter risponde

I leader del mercato Crypto sono stati veloci a pesare, compreso il toro Bitcoin Profit Mike Novogratz. Il capo della Galaxy Digital ha ricordato ai suoi amici crittografi che in America si è innocenti fino a prova contraria. Ha aggiunto che, pur non avendo alcuna conoscenza del caso, fa i migliori auguri ad Arthur Hayes.

Inoltre, si è rivolto all’elefante nella stanza, che è il prezzo del bitcoin e il futuro del mercato delle criptovalute. Dopo tutto, la scomparsa di Mt. Gox 2013 ha avuto un effetto dannoso e prolungato sul prezzo del BTC, quindi è comprensibile che gli investitori si preoccupino che lo stesso possa accadere se il BitMEX, che vanta più di 1 miliardo di dollari di volume di trading giornaliero, viene chiuso.

Novogratz offre una certa prospettiva in un tweet, dicendo che secondo lui il bitcoin è più grande di quello che sta scendendo a BitMEX e consigliando agli investitori di „comprare salse“.

Finora gli investitori non hanno ascoltato i suoi consigli, con il prezzo di BTC sceso di oltre l’1%. Ma il bitcoin rimane appollaiato sopra i 10.600 dollari, e il fondo non sembra essere caduto in risposta alle spese del BitMEX. Forse ha qualcosa a che fare con il fatto che BitMEX sta ancora elaborando i prelievi per non creare panico. La loro strategia sembra funzionare – per ora.

Battitura BitMEX

Non tutti saranno così indulgenti, compreso l’economista e basher bitcoin Nouriel Roubini. Sulla base delle sue osservazioni di un anno fa, dopo aver discusso con il capo della BitMEX, Roubini potrebbe rivelare che l’atteggiamento sciolto di Hayes nei confronti della legge lo ha finalmente raggiunto.

Altri hanno sottolineato l’ipocrisia di Wall Street, considerando come JPMorgan abbia appena raggiunto un accordo record di 920 milioni di dollari sui trader accusati di manipolazione del mercato dei metalli preziosi; eppure, a differenza di Hayes, l’amministratore delegato Jamie Dimon non si guarda alle spalle.

BitMEX nega con veemenza le accuse, affermando in una dichiarazione,

„Fin dai nostri primi giorni come start-up, abbiamo sempre cercato di rispettare le leggi statunitensi applicabili, così come tali leggi erano intese all’epoca e basate sulle linee guida disponibili“.

Mentre i precedenti nei tribunali vengono ancora scritti per criptaggio, affidarsi alla difesa dei cattivi consigli potrebbe non portarli molto lontano.